Scienza e razionalità

27 Aprile 2020

Ci sono dati, informazioni e, tipicamente, numeri che diventano irrilevanti per l’opinione pubblica non solo perché sono inappropriabili dal punto di vista cognitivo per il lettore o l’utente medio della comunicazione di massa, ma perché sono neutralizzati dal punto di vista ideologico e dunque suonano tragicamente “muti”.

22 Aprile 2020

Nel 1894, circa un secolo prima della nascita del World Wide Web, l’illustratore statunitense Frederick Burr Opper pubblicava una stampa ritraente un uomo con in mano un giornale che riporta la dicitura “fake news” a caratteri cubitali.
A cosa alludeva Opper, in un mondo privo di blog, pagine Facebook, catene di Sant’Antonio e hacker russi? L’artista intendeva muovere una critica nei confronti della stampa scandalistica, al tempo definita yellow journalism, che proprio in quegli anni nasceva e si diffondeva sulle pagine di alcuni dei principali quotidiani statunitensi.

15 Aprile 2020

In un’intervista al Corriere della Sera il ministro Boccia ha dichiarato di volere dagli scienziati verità indiscutibili sul coronavirus, ad esempio sulla immunizzazione dei guariti; altrimenti, egli sostiene, come potrebbero i poveri politici essere messi in condizione di prendere delle decisioni in questo tribolato contesto pandemico?

04 Aprile 2020

Io non so per quale malinteso spirito di servizio politico-patriottico la generalità dei TG italiani abbia scelto non di informare, ma di collaborare alla “comunicazione” dell’esecutivo, cioè di non parlare degli esiti delle strategie di contenimento, ma di rassicurare, orientare, minacciare l’opinione pubblica con il solo obiettivo

20 Marzo 2020

Siamo tutti più o meno in attesa di una luce in fondo al tunnel, che ancora non si vede e siamo consapevoli che della nuova peste globale sono più le cose che non si sanno che quelle che si sanno e di queste sole la “scienza” può dare vera testimonianza.

19 Marzo 2020

È difficile restare lucidi quando si combatte un’emergenza. Ce ne rendiamo conto leggendo alcuni tentativi di spiegare la pandemia da SARS-CoV-2, che talvolta cadono in tentazioni deterministiche portate all’estremo. Assistiamo ad un particolare tipo di  naturismo che, concentrato a demolire un certo neopositivismo, pare dimenticare l’esistenza del caso come fattore connaturato alla vita stessa e alla sua evoluzione.

14 Marzo 2020

L’italico vagheggiamento del “modello cinese” non ha nulla a che vedere col desiderio di imitazione delle presunte capacità dimostrate dal Paese asiatico nella gestione della crisi da Coronavirus.

08 Marzo 2020

Le polemiche di queste ore sulla diffusione anticipata della bozza dell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sono una fiera della buona coscienza a buon mercato. Chi l’ha anticipata alla stampa e le testate che l’hanno pubblicata hanno continuato a fare della “realtà parallela” dell’informazione una dimensione separata dai processi di comunicazione pubblica, essenziali per la gestione ordinata di qualunque crisi sociale.