Istituzioni ed economia

02 Dicembre 2016

Non vorrei che i ragionevoli inviti a non dare troppo ascolto agli scenari apocalittici descritti dai promotori del Sì e del No al referendum di domenica si traducessero in una sorta di processo di rimozione delle conseguenze del voto, che pure ci sono e sono notevoli. Il voto consapevole, per ognuno di noi, è il prodotto di un mix di ragioni che non si fermano al merito tecnico del quesito.

Leggi tutto...
02 Dicembre 2016

L’hanno chiamata 'norma salva-centri storici': una disposizione varata dal Consiglio dei Ministri che concede ai comuni la facoltà di individuare aree di interesse storico, artistico o paesaggistico in cui vietare o limitare l’apertura di attività commerciali giudicate incompatibili con la tutela del patrimonio. Una norma fortemente voluta dal sindaco di Firenze Dario Nardella.

Leggi tutto...
30 Novembre 2016

C'è un lato oscuro del No referendario, che non ha niente a che vedere con il testo della riforma, né con la buona fede di chi la contrasta, né con i ragionamenti che in queste ore stanno facendo i milioni di italiani chiamati a votarla. Il lato oscuro del No sono i calcoli dei partiti e dei pezzi di partito che nel No si riconoscono sull'opportunità storica che sembra a portata di mano: quella di usare un'eventuale vittoria del No per abrogare, insieme alla legge oggetto del quesito, l'intero orientamento politico emerso dal 1994 a oggi.

Leggi tutto...
30 Novembre 2016

È stato l’ex Presidente Viktor Yushchenko, anatra zoppa a livello politico per la sua incapacità di riformare l’Ucraina dopo la Rivoluzione Arancione ma molto attivo nel far conoscere la storia del suo Paese, a istituire il giorno della Memoria per le vittime del Holodomor. A partire dal 2008 ogni anno, il quarto sabato di novembre, l’Ucraina e la diaspora ucraina in tutto il mondo commemorano lo sterminio per fame di milioni di contadini avvenuto all’inizio degli anni Trenta.

Leggi tutto...
29 Novembre 2016

La vicenda delle firme false palermitane contestate a parlamentari e attivisti del M5S ha diversi piani di lettura. Il primo e più banale riguarda la contraddizione tra la retorica dell'o-ne-stà e l'imbarazzo della dirigenza grillina pizzicata nel classico imbroglio vetero-partitocratico delle firme farlocche, autenticate da funzionari compiacenti, su liste elettorali partorite con travaglio a poche ore dalla presentazione.

Leggi tutto...
28 Novembre 2016

Fidel Castro è morto postumo. Della mitologia della Revolución sopravvivono lacerti iconografici e commozioni e rimpianti in una generazione che se ne era innamorata da giovane e non è riuscita a liberarsene da vecchia, neppure di fronte all’esperienza del fallimento e di un distacco già politicamente consumato.

Leggi tutto...
28 Novembre 2016

Questa campagna referendaria ha ormai assunto la natura di un derby tra democrazia e limitazione della rappresentanza, tra suffragio universale e privazione del diritto di voto. Tutti concetti e valori tirati in ballo troppo spesso a sproposito, soprattutto da chi si ammanta di una certa superiorità morale e si erge ad alfiere della libertà e della volontà popolare.

Leggi tutto...
26 Novembre 2016

Sono stato molto combattuto e ho approfondito tutti i temi della riforma costituzionale: alcuni condivisibili, altri confusi, altri incomprensibili, altri ancora che non approvo affatto. È inutile dire che quando le materie affrontate sono così numerose, non si può non avere un giudizio eterogeneo: mi piace ad esempio l’idea di rivedere il Titolo V, sono invece spaventato da una ipotesi di Parlamento che trovo in larga parte indefinita.

Leggi tutto...