Istituzioni ed economia

29 Dicembre 2016

Nella risoluzione Onu sugli insediamenti israeliani approvata grazie all'astensione statunitense si confrontano due opposte e assai poco sottili ipocrisie. La prima, di parte favorevole, è quella di volere considerare gli insediamenti nei territori occupati un ostacolo alla pace all'insegna della logica 'due popoli/due stati', cioè come la causa delle chiusure di parte palestinese a qualunque negoziato con Israele.

Leggi tutto...
23 Dicembre 2016

Si può pensare quel che si vuole di chi va a lavorare all’estero, così come si può pensare quel che si vuole dei diritti di chi lavora. Opinioni. Il dramma di una generazione in fuga dall’Italia può suscitare reazioni sgradevoli (eufemismo) come quelle del ministro Poletti, e i contratti di lavoro atipici possono essere considerati una deroga intollerabile a diritti consolidati, quindi da evitare costi quel che costi.

Leggi tutto...
22 Dicembre 2016

Chiariamo subito una cosa: chi dovesse illudersi di poter risanare il bilancio di Roma 'a bocce ferme', limitandosi a spostare risorse (e debiti) da una parte all’altra, farebbe meglio a rinunciare in partenza e a dedicarsi ad altro. L’attuale situazione della capitale non è soltanto figlia di una mala gestione che dura ormai da decenni, ma anche (e soprattutto) di un sistema fallimentare che andrebbe ampiamente riformato.

Leggi tutto...
21 Dicembre 2016

Appena si è diffusa la notizia, poi smentita, che il responsabile della strage di Berlino fosse un giovane profugo pakistano, la cancelliera tedesca Merkel ha rilasciato una dichiarazione di indiscutibile chiarezza, ribadendo in sostanza che la Germania e l'Europa devono reagire alla sfida jihadista e, più in generale, gestire i complicati dossier della politica migratoria senza rinnegare uno solo dei principi della loro 'costituzione morale'.

Leggi tutto...
20 Dicembre 2016

In molti si chiedono, in queste ore, se il destino dell'Europa non sia quello di doversi attrezzare a essere una grande Israele, quotidianamente sotto la minaccia del terrorista dovunque possibile, della fatalità sempre dietro l'angolo, della vita col fiato sospeso. Non abbiamo la coesione sociale, la forza morale e la preparazione di un popolo piccolo ma abituato all'assedio, in cui ognuno è soldato e difensore del prossimo.

Leggi tutto...
19 Dicembre 2016

Nella graduatoria degli insulti romani al top c’è 'infame' e 'faccia come il culo' sta piuttosto in basso, appena sopra 'limortaccitua' che è espressione quasi conviviale. E magari servirà pure questa spiegazione antropologico-linguistica per capire come l’espressione così censurata rivolta da Roberto Giachetti a Roberto Speranza sia poco più di un colorito rimprovero per lo slang capitolino. La spiegazione politica è altra cosa, e sarà facile da seguire anche per i non-romani.

Leggi tutto...
19 Dicembre 2016

'La battaglia contro l’austerità, la battaglia contro il fiscal compact, la battaglia per politiche sociali più rivolte alle persone'. Se, come scandiva ieri Gianni Pittella all’assemblea del Partito Democratico, sono queste le battaglie che dovrebbero costituire il cardine della nuova leadership renziana del PD che verrà, si può dire che il progetto di Partito della Nazione sia già ufficialmente morto e sepolto.

Leggi tutto...
16 Dicembre 2016

Non bisogna illudersi che l’arresto di Marra svegli l’Italia dall’incantesimo antipolitico e dalla fiducia nella palingenetica rivoluzione dell’o-ne-stà. Non bisogna affatto credere che se le manette finiscono ai polsi dell’uomo forte del Campidoglio grillino, questo segni la fine dell’egemonia culturale 'manipulitista', che avvelena da qualche decennio la vita e il racconto della politica italiana.

Leggi tutto...