Istituzioni ed economia

27 Giugno 2017

La sintesi del voto amministrativo è: ha straperso il M5S, ha perso il centrosinistra e ha vinto il centrodestra. Questa sintesi, però, non dice assolutamente nulla dello scenario politico nazionale, in cui oggi non sarebbe ripristinata, come molti si illudono, una dinamica bipolare, né consolidato il quadro tripolare del voto amministrativo, ma si scatenerebbe una guerra "tutti contro tutti" dagli effetti politicamente entropici.

Leggi tutto...
26 Giugno 2017

Rodotà fa parte della generazione dei grandi vecchi della sinistra italiana che, senza appartenere in modo organico alla cultura e al partito comunista, ne accompagnarono, in modo ora critico, ora gregario, un’evoluzione tardiva e in larghissima misura incompiuta e dopo la svolta della Bolognina si opposero alla 'normalizzazione' della sinistra post-comunista, continuando a sognare un altro mondo e un’altra politica.

Leggi tutto...
20 Giugno 2017

La giornata mondiale del rifugiato cade oggi in un'Italia in cui la maggioranza delle forze politiche e probabilmente degli stessi elettori avverte la mobilità umana legata alle guerre e alla miseria come un pericolo non solo antropologico-esistenziale, ma come una sorta di minaccia militare.

Leggi tutto...
16 Giugno 2017

Io ricordo di aver incrociato la prima discussione sullo ius soli temperato nel 2009. E non in un collettivo di sinistra, bensì in una riunione di quello che allora era il partito unico del centro destra italiano. E anche se oggi nessuno di chi resta, a destra, di quel mondo ve lo dirà mai, è merito di quella parte politica, che anche su quel tema consumò al proprio interno una sanguinosa frattura, se lo ius soli temperato si è affermato a fatica, negli anni, come urgenza di policy.

Leggi tutto...
13 Giugno 2017

Nel 2013, quando i 5 Stelle uscirono dal voto per la Camera come la forza politica con più suffragi in Italia (il Pd recuperò solo con i residenti all'estero), alle comunali romane il candidato sindaco grillino, Marcello De Vito, ottenne meno di 150mila voti (il 12,43% del totale), mentre per Montecitorio la lista di Grillo aveva ottenuto tre mesi prima 436mila voti, il 27,27% del totale.

Leggi tutto...
12 Giugno 2017

Ci sono i pro e i contra Lump of Labour Fallacy (LLF), un po’ come per lunghe stagioni la teoria economica ha visto fronteggiarsi i monetaristi e keynesiani per chi avesse ragione nell’interpretare una volta per tutte il funzionamento del sistema economico. Negli ultimi anni le due “fazioni” si stanno sempre più spesso fronteggiando e il confronto è approdato al dibattito quotidiano.

Leggi tutto...
09 Giugno 2017

Sulle elezioni britanniche, conviene lasciare la parola ai numeri oltre gli slogan: i Tory guidati da Theresa May hanno guadagnato 1 milione di voti rispetto all elezioni del 2015, sotto la leadership di David Cameron (13,6 milioni contro 12,3). Jeremy Corbyn ha addirittura raccolto oltre 3 milioni di voti in più del suo predecessore Ed Miliband (12,8 milioni contro 9,3 di due anni fa). A perdere consensi e seggi sono stati gli indipendentisti.

Leggi tutto...
09 Giugno 2017

Chi ha vinto le elezioni generali nel Regno Unito? Non i conservatori di Theresa May, che le ha convocate sicura della vittoria e si è trovata ridimensionata e a un passo dalla defenestrazione. Non il labour di Jeremy Corbyn, che pure ha fatto un risultato straordinario viste le premesse, ma è comunque arrivato secondo e senza chances di governo. Non gli scozzesi dell’SNP, che hanno visto tories e socialisti fare incetta dei loro seggi.

Leggi tutto...