Istituzioni ed economia

25 Novembre 2016

L'Italia attraversa un periodo di profondo cambiamento, sotto il profilo sia politico sia economico, e l’appuntamento referendario ne rappresenta un passaggio di importanza storica, perché riporta al centro del dibattito pubblico la cultura costituzionale e, quindi, lo stesso concetto di identità della democrazia. Non può essere solo una questione di approccio binario alla riforma (sì/no), ma diventa l’occasione per riflettere e ragionare di nuovo di politica 'alta' del Paese.

Leggi tutto...
24 Novembre 2016

La notizia è che il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione che chiede il congelamento dei negoziati per l’adesione della Turchia all'Unione Europea. La votazione è passata con una maggioranza larga: 479 voti a favore, 37 contrari e 107 astensioni. Si tratta di una risoluzione non vincolante: la Commissione Europea non verrà condizionata direttamente dal suo esito, ma dovrà comunque tenerne conto.

Leggi tutto...
24 Novembre 2016

È vero che i freddi numeri rischiano di colpire ma non di chiarire e, pertanto, oggi è necessario a mio parere discutere anche di ciò di cui non si è mai davvero discusso: dei presupposti culturali, storici e politici che guidano l’azione riformista nell’ambito del diritto del lavoro, soprattutto nel momento in cui il complesso disegno riformista è messo alla prova dalla riduzione delle agevolazioni contributive.

Leggi tutto...
23 Novembre 2016

Il nostro intento non è, qui, di decrittare tutto ciò che concorre all'ascesa dei populismi, di destra o di sinistra, in molti Paesi membri dell'Unione europea: disoccupazione, declassamento sociale, insicurezza, mondializzazione, migrazioni, terrorismo, invecchiamento della popolazione… Tutti questi fattori non ci dicono niente, in definitiva, sulle ragioni di chi, ben al di là dei partiti populisti, usa l'Europa come capro espiatorio di questi problemi.

Leggi tutto...
22 Novembre 2016

'Establishment is the new olio di palma' ha commentato qualcuno, sintetizzando in un brillante tweet il profluvio di interpretazioni volte a spiegare il successo di Trump come una sana rivolta contro, appunto, l'establishment politico-intellettuale, incapace di capire ed agire. Alla stregua delle élite, genericamente intese e indistintamente colpevoli.

Leggi tutto...
21 Novembre 2016

La scelta di Angela Merkel di correre per un quarto mandato è carica di rischi e in larga misura estranea all’immagine che i nemici della cancelliera tedesca proiettano sull’ex ragazza dell’est arrivata ai vertici della Germania riunificata. In primo luogo, si tratta di una scelta rischiosa, di un azzardo lontano dallo stile di una leader accusata di essere freddamente calcolatrice.

Leggi tutto...
18 Novembre 2016

Qualche giorno fa stavo parlando con un mio amico del Bangladesh, che ho conosciuto qua a Londra dove mi sono trasferito per motivi di studio. Parliamo spesso di politica internazionale, a volte scherzando, altre discutendo animatamente. Giorni fa, spiegandomi perché secondo lui la Cina rappresenta un grattacapo per l’Occidente, mi propose la seguente metafora.

Leggi tutto...
15 Novembre 2016

Come la Brexit, anche la Presidenza Trump finirà per intossicare l'Europa e le sue istituzioni assai più del corpo politico delle più antiche e sante democrazie del mondo. Regno Unito e Usa – direi se dovessi scommettere un euro, un dollaro o una sterlina nella sordida bisca della politica euro-occidentale – sopravvivranno agevolmente alla tentazione di fermare il mondo e all'azzardo di volerne scendere e troveranno dentro di sé l'antidoto al veleno della vendetta sovranista.

Leggi tutto...