Glasnost e perestrojka. Trasparenza e ristrutturazione. Le parole d’ordine dell’apertura e del cambiamento sovietico della seconda metà degli anni ’80 sono state oggi sostituite dalla nuova strategia di destabilizzazione del Cremlino: propaganda e disinformazione. Dietro le fake news che stanno avvelenando e compromettendo la vita democratica delle nostre società c’è, infatti, un disegno preciso. Una guerra ibrida, combattuta senza esclusione di colpi.

Il contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Se sei già abbonato effettua il Login altrimenti abbonati subito e leggi tutti i contenuti.

Abbonati