L’Unione, pur essendo complessivamente la seconda 'potenza' al mondo per spesa militare, spende in modo inefficiente, per un’evidente assenza di cooperazione. Oltre l’80% degli appalti e oltre il 90% di ricerca e tecnologia sono a livello nazionale. Per favorire una maggiore integrazione la Commissione Ue ha istituito un Fondo, che può garantire un formidabile impulso per le imprese italiane e rappresentare un catalizzatore per una forte industria europea della difesa.

Il contenuto è disponibile solo per gli utenti abbonati

Se sei già abbonato effettua il Login altrimenti abbonati subito e leggi tutti i contenuti.

Abbonati